• Edizioni di altri A.A.:
  • 2021/2022
  • 2022/2023

  • Lingua Insegnamento:
    L’insegnamento è svolto parte in italiano e parte in inglese (con il visiting professor Prof. David Mangan dell'Università Maynooth di Dublino) 
  • Testi di riferimento:
    ROCCELLA-TREU-AIMO-IZZI, Diritto del lavoro dell’Unione europea, Kluwer-Cedam, Milano, 2019 e PERULLI-BRINO, Manuale di diritto internazionale del lavoro, Giappichelli, Torino, 2015
    integrati da materiali e case-studies discussi a lezione e caricati sulla pagina del corso, compresi articoli e decisioni discusse con il visiting professor David Mangan. 
  • Obiettivi formativi:
    Acquisire conoscenze e consapevolezza critica sulla regolazione del lavoro nella dimensione transnazionale, sapendo individuare le normative a carattere vincolante da quelle non vincolanti; acquisire dimestichezza con il discorso giuridico fondato sul riconoscimento dei diritti fondamentali e con la giurisprudenza delle corti sovranazionali in materia; verificare le implicazioni del principio del primato del diritto comunitario sul diritto interno; saper analizzare il contenuto e il valore giuridico di accordi collettivi transnazionali. 
  • Prerequisiti:
    Costituiscono pre-requisiti preferenziali, non vincolanti: la conoscenza del diritto del lavoro nazionale, del diritto pubblico e del diritto dell’Unione europea. 
  • Metodi didattici:
    Il metodo di insegnamento si fonda su una interazione continua tra professore e studenti, in cui alle lezioni frontali tenute dal docente e/o dal visiting professor ospite del corso, si alternano presentazioni e discussioni di casi (sentenze di corti sovranazionali, accordi collettivi transnazionali, rapporti e documenti di analisi e monitoraggio, ecc. ). 
  • Modalità di verifica dell'apprendimento:
    L’apprendimento è verificato attraverso un esame orale, articolato in 3-4 domande sulle diverse parti del programma, volto alla verifica delle conoscenze acquisite, della capacità di esposizione e di collegamento tra diversi istituti, di proprietà tecnica del linguaggio utilizzato. L’impegno a svolgere ed esporre ricerche individuali o di gruppo nel corso delle lezioni è tenuto in considerazione ai fini della valutazione di merito. Il voto finale è espresso in trentesimi, con votazione minima di 18 e fino a 22/30 per la sufficienza, con votazione compresa nella fascia 23-26/30 per un esito discreto, e dal 27 al 30 per un esito buono. L’attribuzione della lode equivale a un giudizio ottimo. 
  • Sostenibilità:
    Il contenuto della disciplina riguarda numerose tematiche riconducibili agli obiettivi di sostenibilità ambientale, sociale ed economica, in particolare agli obiettivi SDGs n. 8-Lavoro dignitoso e crescita economica, n. 5-Parità di genere e n. 10-Ridurre le disuguaglianze. 
  • Altre Informazioni:
    La docente tiene il ricevimento degli studenti negli orari indicati all’inizio del corso. Risponde agli studenti attraverso il suo indirizzo: fausta.guarriello@unich.it 

Il corso illustra le principali fonti di diritto del lavoro internazionale e euro-unitario: le convenzioni dell’OIL e il meccanismo di supervisione e monitoraggio della loro attuazione, la differenza tra fonti di hard law e di soft law, i principi direttivi delle Nazioni Unite su imprese multinazionali e diritti umani, la Convenzione europea sui diritti umani, la Carta sociale europea e la Carta di Nizza e la loro applicazione giurisprudenziale, il diritto sociale europeo nelle fonti primarie e nelle direttive: in part. l’acquis communautaire e le nuove direttive sul salario minimo, sui lavoratori delle piattaforme digitali e sulla human rights due diligence, il dialogo sociale europeo a livello interprofessionale, settoriale e di impresa multinazionale e i global framework agreements. Una parte del corso (in inglese) sarà dedicata alle piattaforme digitali, alla privacy, all'intelligenza artificiale (in part. alla normativa europea sulla IA) e alla digitalizzazione del lavoro.

Le fonti di diritto internazionale del lavoro, l'OIL e il meccanismo di supervisione e monitoraggio, hard law e soft law, il diritto sociale europeo: diritti fondamentali, competenze in materia sociale dell'UE, l'acquis social communautaire, il dialogo sociale, la contrattazione collettiva transnazionale.

Avvisi

Nessun avviso in evidenza

Documenti

Nessun documento in evidenza

Scopri cosa vuol dire essere dell'Ud'A

SEDE DI CHIETI
Via dei Vestini,31
Centralino 0871.3551

SEDE DI PESCARA
Viale Pindaro,42
Centralino 085.45371

email: info@unich.it
PEC: ateneo@pec.unich.it
Partita IVA 01335970693

icona Facebook   icona Twitter

icona Youtube   icona Instagram